La torta caprese è un dolce originario di Capri che ha tutte le carte in regola per essere definito uno dei dolci più amati al mondo.
E come tale è perfetto per qualsiasi momento della giornata: colazione, merenda e/o spuntino.

Come tale la ricetta è tramandata nel tempo di famiglia in famiglia ed ognuno con la sua versione.

Niente farina e niente lievito nella ricetta originaria della torta caprese e una consistenza finale unica: morbido l’interno, una crosticina croccante l’esterno. 
Il profumo di mandorle vi rapirà!
Un boccone che di fatto si scioglie in bocca e soddisfa il palato di chiunque. Mangiandola vi dimenticherete di quanto, tutto sommato, sia “nutriente” 😉 . Però, vale sempre la pena, se sgarrate, di sgarrare bene e fino in fondo. Una botta di dolcezza, fragranza, profumi, calorie che danno la giusta carica. 

Un dolce dalle origini lontanissime – il 1920 – ma attualissima per essere, tra l’altro, adatta agli intolleranti al glutine.
L’assenza di farina caratterizza la torta caprese e l’assenza di farina non è altro che un mero errore del cuoco Carmine di Fiore, pasticcere di allora in questo angolo di paradiso.
Agitato dalla richiesta di un dolce da parte di due malviventi mandati sull’isola da Al Capone per comprare delle ghette, lo Chef, nella fretta, si dimenticò di inserire nel composto la farina.
E come tanti altri dolci della tradizione partenopea nati per puro caso, anche la torta caprese fu apprezzata talmente tanto dai due americani che ne vollero la ricetta. E da lì, in men che non si dica, la pasticceria di Di Fiore fu subissata di richieste della nuova “caprese” in versione dolce.

la ricetta della torta caprese di Sal De Riso
Torta Caprese di Sal De Riso

La torta caprese di rivelò quindi come un croccante guscio di cioccolato con dentro un impasto morbido e profumato.

La versione di torta caprese che vi propongo è del Maestro Sal De Riso :

niente farina come da tradizione, ma un minimo di fecola  (resta pur sempre adatta agli intolleranti al glutine) e per nulla indurisce il composto.
E, come dice il Maestro, l’impasto deve risultare “come una crema” ;
il cioccolato non deve essere fuso come su moltissime ricette ho letto, ma grattugiato.
L’ideale sarebbe usare le mandorle tostate e poi tritate, ma va bene anche la farina di mandorle.
Meglio tenere il burro fuori dal frigorifero dalla sera prima, la montato di zucchero e burro la fa da padrona in questo composto.

Vi lascio alla ricetta della torta caprese di Sal De Riso e se poi vi viene ancora più voglia di dolce sbirciate la sua  Torta Paradiso o i Krapfen di Iginio Massari…prossimo appuntamento con il Carnevale 😉 e, perchè no, l’incredibile torta bilbolbul apparsa per la prima volta nel 1929 nel mitico Talsimano della felicità di Ada Boni.

la ricetta di Sal De Riso della torta caprese

Torta Caprese: la ricetta di Sal De Riso

Se sei amante dei dolci non puoi non provare questa torta unica per aroma e piacere
Preparazione 20 min
Cottura 1 d 45 min
Totale 1 d 1 h 5 min
Porzioni 8 persone

Cosa ti serve

  • stampo da 24 cm di diametro

Ingredienti
  

  • 175 g burro
  • 175 g zucchero a velo
  • 175 g cioccolato fondente
  • 5 uova
  • 60 g fecola
  • 75 g mandorle
  • 30 g cacao amaro
  • 5 g lievito

Procedimento
 

Preparate tutti gli ingredienti:

  • Separate gli albumi dai tuorli.
    Tostate le mandorle a 180° sino a farle colorire quindi riducetele in polvere. Potete, se preferite, usare la farina di mandorle. 
    Grattugiate il cioccolate fondente.
  • Montate con la planetaria il burro e lo zucchero a velo tenendone da parte 2 cucchiai che serviranno dopo. Deve risultare una massa chiara e spumosa. 
    Aggiungete i tuorli un pò alla volta dopo averli leggermente sbattuti e continuate a montare. Tenete da parte. 
    Montate con le fruste elettriche gli albumi e i due cucchiai di zucchero a velo tenuti da parte. La massa deve risultare bianca, lucida e semi compatta. Tenete da parte. 
    Miscelate tutte le polveri: le mandorle, la fecola, il cacao amaro, il cioccolato grattato ed il lievito. 
    Unite, sempre un pò per volta, le polveri alla montata di burro e zucchero mescolando bene con l'aiuto di una spatola in modo da miscelare il tutto. 
    Incorporate ora al composto gli albumi montati mescolando sempre dal basso verso l'alto per non far sgonfiare l'impasto.
  • Trasferite il composto nello stampo ben imburrato ed infornate a 170° già raggiunti. 
    Cuocete per 45 minuti. Vale sempre la prova stecchino.
  • Lasciate riposare la vostra caprese per qualche minuto nel forno con lo sportello semi aperto; quando è tiepida aprite lo stampo e capovolgete la torta su di un foglio di carta forno in modo che si raffreddi bene. Una volta completamente fredda capovolgete la torta caprese sul piatto e spolverate la superficie con zucchero a velo. 
    Godetevela!
Portata Dolci, Dolci da credenza
Cucina cioccolato, colazione

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.