uova alla Benedict -Semplicemente Cucinando

Uova alla Benedict, pancakes e pumpkin bread

E…americana sia la colazione con l’MTC!  Considerato che la mattina mando giù un bicchiere di latte macchiato come fosse una medicina, non avrei mai immaginato di “apprezzare”  uova alla benedict, pancakes e pumpkin bread a colazione. Mi è sembrato di tornare a quando andavo a Lima a trovare i miei genitori e a quando, al risveglio di  prima mattina in aereo, ci offrissero per colazione omlette, bacon, salsiccia dolcetti ed un ( pessimo ) caffè annacquato; beh, vi assicuro, che le infinite ore di volo passavano in attesa del momento della colazione.
E non lasciavo neanche una briciola!
Oggi posso morire anche solo a mangiare qualcosa di diverso da pane o fette biscottate con marmellata.
Naturalmente la scelta della mia colazione americana non poteva che indirizzarsi verso una colazione “soft” ammesso sia accettabile 😉 questo termine per la colazione offerta da Roberta de La Valigia sul Letto  per la sfida di ottobre conl’MTChallnege.
Ottima occasione per preparare i pancakes la cui voglia mi frullava per la testa da qualche tempo, lo stesso tempo che in questo periodo è tiranno, primo punto fisso da subito; no a yogurt, no a muffins già preprati troppe volte, no a cereali…e di questo passo non svoltavo mai.
Ho cercato in rete quali potessero essere i dolci americani e mi è salato agli occhi subito il pumpkin bread…perfetto! Ha fra gli ingredienti la zucca….mmm, stuzzicante…un pò di cannella , la noce moscata “la ometto, non mi piace” , chiodi di garofano “ci possono stare”, lo zenzero…è sempre in cucina; siamo pure in atmosfera di Halloween – una festa che non sento, vero – ma la zucca ci sta proprio bene.
OK ! Deciso e la versione che ne è venuta fuori è una via di mezzo fra due ( le ho stampate e non salvato i link, ma mi riprometto di cercarli e segnalarli) che, confrontate con tante altre lette su siti americani, mi sembravano abbastanza fedeli.
Il commento di mio figlio quando l’ha assaggiata ” Ha un suo perchè questa torta” ;-)”.
Il resto ha seguito il sapore di qualcosa che mi porto dietro e dentro dal periodo peruviano : la salsa per accompagnare l’uovo alla Bendict è la base, a cui ho omesso l’aggiunta di peperoncino e cipolle,  della salsa usata nella ricetta de Las Papas a La Huancaina : leggera e saporita allo stesso tempo.
Per completare il succo di papaia e, non ci potevo credere, dopo averla vista milioni di volte in frutteria, quel pomeriggio non c’era….”non ci posso credere! Non c’è la papaia!”  Altro ritardo sulla tabella di marcia…”OK! domani gliela faccio trovare” .  La metà non usata l’ho offerta come la mangiavo  in Perù :  a fettine, leccata con una spruzzata di succo di limone e lo zucchero grezzo sopra…è la fine del mondo!

Uova alla Benedict, pancakes e pumpkin bread

E con questa lunghissima ricetta uova alla Benedict, pancakes e pumpkin bread a colazione Partecipo alla sfida di Ottobre de MTChallenge …e ditemi che non ho dimenticato nulla o sbagliato qualcosa! Se sono sopravissuta a questa colazione, non sovravvivo a rielggermi tutto, lo so per certo 😉  😳

sfida ottobre MTC

Dimenticavo…tutte le mattine, a colazione,  prendo una bustina di papaya fermentata per combattere i radicali liberi…..che tocca fare ;-)!

papaya fermentata

Valutazione della ricetta

  • (0 /5)
  • 0 ratings

Condividi

Potrebbero interessarti anche ....

Leggi altro:
confettura di pesche tabacchiere metodo Ferber
Confettura di pesche tabacchiere metodo Ferber

Continua il...

spaghetti al nero di seppia e tonno rosa
Spaghetti al nero di seppia e tonno rosa Rizzoli

Spaghetti al...

Chiudi