Risotto rapa bianca e nocciole tostate

La ricetta per fare il risotto rapa bianca e nocciole tostate

Risotto rapa bianca e nocciole tostate

Prometto che con questa proposta del risotto rapa bianca e granella di nocciole tostate chiudo con i risotti che in questo inverno sono stati, stranamente, piuttosto frequenti.
Un risotto davvero particolare e delicatissimo nella sua resa finale.
Il dolciastro delle rape bianche è ben mitigato dal cipollotto fresco ed esaltato da quello dolce e burroso delle nocciole tostate.
La mantecatura finale con il parmigiano reggiano – pecorino per un gusto più insistente, se preferite – e una spolverata di prezzemolo fresco rendono il risotto rapa bianca e nocciole tostate profumato, delicato, cremoso e piacevolissimo al palato.
Giusto il tempo di cottura del riso per portare in tavola un primo piatto davvero primaverile, facile e che accontenta tutti, anche i palati più raffinati.

Lo so, la rapa bianca è un ortaggio – una radice – sottovalutato ed invece è assolutamente versatile in cucina e si presta a tante diverse preparazioni.
Si mangia anche in insalata, affettata sottile, ma da cruda sprigiona di più una punta piccantina che non a tutti può piacere.
Gratinata, ripassata in padella, lessata, frullata come base di vellutate e zuppe.
Alimento ricco in vitamine e Calcio, aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo e, grazie alla Vitamina K, ha azione anti infiammatoria. Alla resa dei conti un alimento sano.

Nel risotto rapa bianca e nocciole tostate da il meglio di se. Unite la rapa al riso a metà cottura in modo che mantenga una piacevole consistenza che sarà esaltata dalla croccantezza della granella di nocciole tostate aggiunta al momento di servire. Credetemi è davvero buono! 

la ricetta del risotto rapa bianca e nocciole tostate

 

Nessun problema per le nocciole tostate.
Le trovate  già belle e pronte – le compro sempre ad un banchetto al mercato che ha l’inimmaginabile di frutta secca e sempre di ottima qualità, o potete tostarle voi in pochi minuti:
in padella – tenedole bene sotto controllo e girandole spesso per evitare che brucino e diventare amare;
in forno a 180° per una decina di minuti. Anche in questo caso osservatele spesso, devono solo colorirsi.

Per non dover preparare ogni volta che vi serve il brodo vegetale potete :
farne di più e congelare l’eccesso da trovare pronto quando vi serve;
farvi il dado granulato da tenere sempre a disposizione in frigorifero.

Valutazione della ricetta

  • (4.5 /5)
  • 1 rating

Condividi

Potrebbero interessarti anche ....

Leggi altro:
pane pizza toscano
Il pane pizza toscano

A Porto...

Risotto tonno e topinambur
Risotto al tonno

Risotto al...

Chiudi