pappardelle al cinghiale

Pappardelle al cinghiale

O adesso o mai più potevo fare questo piatto di pasta che sognavo di poter preparare di nuovo prima o poi : le pappardelle al cinghiale.

Ho avuto per anni in regalo cacciagione e forse quando il “limite” di doverlo frollare, pulire, surgelare mi sbiadiva poi il piacere di cucinarlo e mangiarlo.

Quest’anno, subito prima di Natale, è arrivato il cinghiale, tutta polpa, in una quantità enorme e di una parte ne ho preparato uno spezzatino in umido da condividere con gli amici la sera di capodanno, con una minima parte ne ho fatto per noi queste pappardelle al cinghiale.

Il procedimento per le due portate è analogo e visto che richiede tempi piuttosto lunghi, ma assolutamente nessuna complicazione, ho approfittato per tenerne una piccola porzione da parte e farne il sugo per le pappardelle.

Importante è fare marinare la carne per almeno 12 ore , se sono di più ancora meglio, con del vino rosso buono e l’aggiunta di spezie in modo da ammorbidire un po’ i tessuti fibrosi ed eliminare il sapore di selvatico tipico della cacciagione.

Vi garantisco che così otterrete un piatto di carne superlativo.

Suggerirei di utilizzare un tegame di ghisa se lo avete , o quanto meno un tegame dal doppio fondo.

pappardelle al cinghiale - La Ricetta

Valutazione della ricetta

  • (0 /5)
  • 0 ratings

Condividi

Potrebbero interessarti anche ....

Leggi altro:
La ricetta delle tagliatelle e calamaretti spillo
Tagliatelle e calamaretti spillo

Oggi tagliatelle...

arista di maiale alla birra scura
Arista di maiale alla birra scura

Dietro il...

Chiudi