Insalata di spinacino speck e pinoli

Insalata di spinacino speck e pinoli

Aggiornato il 29 Dicembre 2021 da Lalla

L’insalata di spinacino speck e pinoli è perfetta da servire durante le Feste: fresca, colorata, diversa, velocissima, senza cottura e facilissima.
Perfetta però anche per un sano piatto detox dopo gli stravizi nei giorni di Festa. Pochi ingredienti, ma quelli giusti per un gustosissimo contorno.

Non la solita banale insalata, ma un contorno saporito e stuzzicante l’insalata di spinacino speck e pinoli.
L’aggiunta di un pò di uva passa addolcisce il tutto ed i tocchetti di pane tostato un tocco di croccantezza. 


Un’unica raccomandazione: condite solo al momento di servire. Lo spinacino o spinaci novelli è un ortaggio molto delicato ed assorbe molto il condimento. Rischiate di portare a tavola un piatto di insalata avvizzito, spento e ridotto a nulla.

Potete   personalizzare l’insalata di spinacino speck e pinoli  come volete: pancetta al posto dello speck, mirtilli rossi disidratati al posto dell’uva passa. Pane ai semi, pane integrale o pane casereccio per completare.
Quello che vi consiglio di non fare è di sostituire lo spinacino… così unico nel suo gusto ed aroma.
Se proprio non trovate gli spinaci novelli potete usare le foglie più piccole degli spinaci avendo cura di eliminare dai gambi gli eventuali filamenti.

Le foglie degli spinaci novelli sono piccole e tenerissime con quel sapore caratteristico e, mangiati crudi, mantengono tutte le loro infinite proprietà benefiche.
Sono ricchi di vitamine e sali minerali;  sono utili per contrastare l’ipertensione e hanno un effetto protettivo dell’apparato oculare grazie alle loro note hanno proprietà antiossidanti. 
Importante anche la presenza di fibre che migliorano il transito intestinale.
Gli spinaci sono ricchi di anche di carotenoidi per assorbire i quali sarebbe però meglio mangiarli cotti – appena scottati in tegame o cotti a vapore.
La cottura infatti spazza le catene dei carotenoidi facilitandone l’assorbimento.

 

Insalata di spinacino speck e pinoli

Adoro gli spinaci e li prolongò in mile varianti: ancora a crudo in salsa agrumata o cotti tirati con il latte e serviti con Parmigiano Reggiano, sotto forma di polpette con i ceci o in un particolarissimo primo piatto con i funghi porcini.

Print Friendly, PDF & Email

Valutazione della ricetta

  • (4.8 /5)
  • 2 ratings

Condividi