Il danubio salato con pasta madre

danubio salato in versione estiva

Il danubio salato con pasta madre

Ho il lievito madre in piena forma, scoppia dentro il vasetto, e mi è venuta l’idea di preparare il danubio salato in versione estiva: con un ripieno di zucchine crude e provola affumicata fresca. Qualche fogliolina di menta qua e la e…un bocconcino davvero fresco, sofficissimo e profumato. Una pallina tira l’altra senza pietà.

Il danubio salato è perfetto per un buffet che in estate davvero non mancano, per una merenda al rientro dalla spiaggia e e per accompagnare un aperitivo fra amici…ad ognuno la sua pallina.
Il Danubio è unico e straordinario per quel  contrasto tra il dolce della pasta brioche ed il salato del ripieno che crea una sinergia di sapore straordinaria.

Ho scelto un ripieno fresco e leggero, ma potete davvero sbizzarrirvi con ciò che più vi piace. Tendo sempre a non caricare troppo…lo so 😉 .
E poi…mai mi sarei aspettata che lievitasse così tanto e qualche pezzetto in più di ripieno ci stava ancora.

Insomma, provate, perché a dispetto del tempo che richiede la lievitazione, preparare il danubio salato non è difficile e …viene così, bello, goloso, gonfio e soffice.  

Se da una parte il caldo aiuta e velocizza la lievitazione – io oramai ricorro sempre alla mia cella di lievitazione – , dall’altra parte bisogna stare attenti che, preparando l’impasto, questo non si scaldi troppo superando la T compatibile con la formazione del glutine. Basta aggiungere gli ingredienti freddi di frigorifero ( meno il burro) o impastare la mattina presto come ho fatto io.

Lievito madre bello arzillo, farina di forza e il tempo non possono mancare per preparare il danubio salato.  Ed il tutto con un solo impasto brioche formato da tante palline soffici, alveolate, profumate e golose da matti. Originario della Campania, si presta a mille ed una variante nel ripieno sia dolce che salato. Tocca solo a voi scegliere. 

Per la ricetta mi sono  ispirata a Lapastamadre perché mi sono trovata con tanta pasta madre ed in forma smagliante e per provare a fare il danubio senza il doppio impasto. Ho modificato però qualche cosa e nella lista degli ingredienti indico quali previsti – fra parentesi – e come li ho adattati.
Nei tempi che indico, non è compresa la lievitazione che può variare enormemente. a 28° ci sono volute 2 ore e mezzo circa per ciascuna delle due lievitazioni.

Valutazione della ricetta

  • (5 /5)
  • 2 ratings

Condividi

Potrebbero interessarti anche ....

Leggi altro:
Corona asparagi, fave e pecorino
Corona asparagi, fave e pecorino

Fave e...

dado granulare vegetale
Dado granulare vegetale

Per chiudere...

Chiudi