Le castagnole mie e del bimby  perchè fatte con il mio validissimo aiuto il bimby e forse se non avessi avuto lui io le castagnole non le avrei fatte.

E’ carnevale. Ci piacciono le castagnole, il tipico dolce laziale di Carnevale! Ma…odio friggere, l’odore di fritto dopo aver invaso vestiti e capelli se ne va in giro per casa…; eppure mi sono lanciata in tante cosette che poco amo fare, ho la cappa che finalmente aspira come si conviene, ho il bimby, ho il wok. In un attimo tutti questi pensieri si sono aggrovigliati in testa e, nello stesso attimo, ho deciso: avrei fatto le castagnole.  

Se vi va di leggere cosa realmente penso e come vivo l’avere il bimby, leggete le mie riflessioni in questo articolo.

le castagnole

Le castagnole mie e del bimby

Forse senza l'aiuto del bimby mai avrei fatto le castagnole
Preparazione 5 min
Cottura 10 min
Lievitazione 30 min
Totale 45 min
Porzioni 5

Ingredienti
  

  • 500 farina 0
  • 80 g zucchero
  • 50 g burro
  • 1 uovo intero
  • 2 tuorli
  • 100 ml vino bianco
  • 30 g rum
  • 1 bustina lievito per dolci
  • 1 limone la scorza
  • 1 pizzico sale
  • olio di semi di arachide per friggere

Procedimento
 

  • Mettete nel boccale del bimby la scorza di limone ritagliata evitando la parte bianca e tritarla: 15 sec; vel:8; aggiungete lo zucchero, il burro morbido, le uova e la presa di sale, amalgamare 1 min.;velocità 5. Unite quindi la farina setacciata con il lievito, il vino bianco, il rhum e impastate 2 min; vel: spiga.
  • Raccogliete l'impasto, formatene una palla e riponetelo in frigorifero per circa 30 minuti.
  • Trascorso il tempo tirate la pasta, formatene dei piccoli rulli e ricavatene dei cilindri di circa 3 cm; arrotolateli per ottenere tante palline. Scaldate nel wok una generosa quantità di olio, e appena è pronto (170 ° circa e se usate un termometro è meglio) immergete, poco alla volta le palline di impasto….incredibile come, a contatto con il calore si rigonfiano. Giratele spesso in modo che si coloriscano in modo uniforme quindi raccogliete via via su carta assorbente. Lasciatele freddare e rotolatele nello zucchero.Si usa qua a Roma mangiarle o così "nature" o farcirle con ricotta o crema pasticcera; avevo un pò di ricotta in casa e con quella ne ho farcita qualcuna, le altre le ho lasciate così.
Portata Dolci, dolci fritti
Cucina cucina regionale

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.