Il panone bolognese ed è Natale davvero. Il dolce natalizio tipico della tradizione bolognese.

Più aggiungevo ingredienti e più l’impasto de il panonediventava duro; si è ribellato anche il bimby comunicandomi “Error 55” . Lui non ce la faceva ad impastare una bomba atomica di calorie, ma questa volta ci sono riuscita io a mano: giusto quei pochi minuti di sforzo e ne sarete ripagati dalla  soddisfazione ;-).
(così scrivevo nel 2013…ora non ho più il Bimby e, quest’anno, ho fatto tutto a mano.)

E’ Natale! E il Panone bolognese ne è una delle tante dolci espressioni: duro da morire da impastare, ma facile, facilissimo da fare e alla fine un morbido e perfettamente amalgamato. La frutta secca si fonde con il miele, la mostarda ed il cioccolato ed il cacao; il vino e l’archermes danno loro il colpo di grazia perché tutto vada giù facile facile e buono…buono, buono da morire.  Affatto stucchevole.

Ho usato la mostarda di albicocche, se non trovate la mostarda, una sorta di marmellata molto poco dolce, scegliete una marmellata altrettanto poco dolce e possibilmente a pezzettoni.

Vi lascio la ricetta con netto anticipo perché di qualche giorno ha bisogno per “riposare” ; le vacanze sono lunghe e il momento buono per una pezzetto c’è sempre.
In fondo le dosi che vi lascio sono per 1/2 kg di farina e…quante calorie ci saranno mai in un boccone 😉 ?

Si usa regalare il panone bolognese tagliato a strisce larghe 5 o 6 cm, incartate in carta stagnola o se vi piace di più – a me è piaciuto di più – in carta trasparente tipo quella del panettone. 

Se, però, siete amanti dei biscotti natalizi, sbirciate i Lebkuchen – biscottini tedeschi adorabili e pieni di profumi – o gli Zimtsterne , molto più veloci ma altrettanto profumati e deliziosi E se volete ornare la tavola o fare regalino alle amiche, sbirciate anche queste pigne di cioccolato ….facilissime, velocissime e divertentissime!

Con il mio panone bolognese, dolce ricco di calorie, ma ricco di atmosfera natalizia vi lascio e auguro a tutti un affettuoso

BUON NATALE! 

Su Semplicemente Cucinando la ricetta de il panone bolognese.

Il Panone bolognese ed è Natale davvero

Non è Natale senza il Canone bolognese
Preparazione 20 min
Cottura 40 min
Totale 1 h
Porzioni 8 persone

Cosa ti serve

  • teglia 36×25 cm

Ingredienti
  

  • 500 g 500 g di farina tipo 0200 g di miele250 di mostarda dolce200 g di fichi secchi200 g di uvetta100 g di mandorle50 g di cedro50 g di burro50 g di zucchero50 g di cioccolato fondente50 g di cacao dolce2 bustine e mezzo di lievito per dolci1 uovo
  • 200 g miele
  • 250 g mostarda dolce
  • 200 g fichi secchi
  • 200 g uvetta
  • 100 g mandorle
  • 50 g cedro candito
  • 50 g burro
  • 50 g zucchero
  • 50 g cioccolato fondente
  • 50 g cacao dolce
  • 35 g lievito per dolci
  • 1 uovo

Per completare:

  • 100 ml vino bianco
  • 2 dita alchermes

Procedimento
 

  • Riducete in pezzetti non piccolissimi tutta la frutta secca ed il cioccolato – questo il passaggio un po' noioso, lo so, ma chiamate a raccolta aiuti ed in 10 minuti è fatto ;-).
    Unite tutto il resto: la farina, il miele, la mostarda, il burro ammorbidito, lo zucchero, il cacao, l'uovo ed il lievito; mescolate con calma – tanto veloci non riuscite ad essere – in modo da amalgamare bene il tutto.
    Ho iniziato con un cucchiaio di legno ed una ciotola, alla fine, dopo essermi inumidita le mani, ho rovesciato tutto sul piano di lavoro e fatto a mano…molto meglio.
    Impastate per una decina di minuti, sino a quando vedete tutto più o meno uniforme…si va a occhio qui, ma si vede bene.
  • Imburrate la teglia quindi versate l'impasto cercando di livellarlo con il dorso di un cucchiaio di legno leggermente inumidito.
    Lasciate riposare per una notte coperto con pellicola trasparente. Infornate in forno statico già a 180 gradi per 10 minuti e poi proseguite – abbassando a 160 gradi 35/40 minuti.
  • Sfornate, lasciate riposare qualche minuto e bagnate la superficie con mezzo bicchiere di vino bianco unito a due dita di alchermes.
    Lasciate riposare il panone ricoperto da un panno pulito per anche 4 o 5 giorni…vi darà il massimo!
    Riuscirete a percepire i singoli sapori perfettamente amalgamati a tutto il resto.
Portata Dessert, Dolci, Dolci da credenza
Cucina Natale, ricette dell’inverno

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.