Questa focaccia bianca è fatta si con pasta madre, ma seguendo le conversioni riassunte in questo articolo, potete farla anche con lievito di birra.
Quello che cambierà sarà solo il tempo di lievitazione. Molto più rapido con il lievito di birra.
E ne vale assolutamente la pena! A dispetto di un impasto assolutamente gestibile senza alcuna difficoltà, la sofficità è strabiliante  grazie alle patate lesse aggiunte nell’impasto.
Il profumo di focaccia calda e l’aroma del rosmarino si sprigionano in cucina non appena la sfornerete ! E credetemi, il profumo sa davvero di fatto in casa.

La focaccia bianca è sofficissima al suo interno, ma la crosta è croccantissima e, credetemi,  difficile fermarsi  ad un solo pezzo.

Mangiandola  vi verranno  in mente mille modi in cui ve la potreste gustare: dalla classifica mortadella come è famosa a Roma, a prosciutto e fichi quando sarà stagione.
Io per non divorarla tutta subito l’ho surgelata e me la gusto di volta in volta semplicemente tagliata  a quadrotti ad accompagnare un vinello bianco all’ora dell’aperitivo.

E perchè…al posto del pane a tavola come la vedete? Quel profumo di rosmarino e l’unto affatto eccessivo stimolano le papille gustative.

focaccia bianca
Focaccia bianca con pasta madre

Rapporto farina e acqua pari al 50% per cui davvero semplice ottenere un impasto liscio e omogeneo; il maggior tempo lo trascorrerete a lessare le patate da aggiungere all’impasto.
Vedrete che soddisfazione vedere quell’impasto formarsi fra la mani se impastate a mano o vederlo gonfiarsi ed ammorbidirsi intono al gancio se nella planetaria.
Farei anche dose doppia se fossi in voi 

Focaccia bianca con pasta madre: sofficissima

Preparazione15 min
Cottura25 min
Lievitazione:6 h
Tempo totale6 h 40 min
Porzioni: 1 teglia 20X32 cm

INGREDIENTI

  • 100 g pasta madre rinfrescata
  • 75 g acqua
  • 75 g latte
  • 5 g zucchero
  • 300 g farina W260 io tipo 1
  • 100 g patate già lessate
  • 8 g sale
  • 18 g olio extravergine di oliva

Per la rifinitura :

  • olio extravergine di oliva 
  • sale grosso
  • rosmarino

PROCEDIMENTO

  • In una ciotola o nella planetaria sciogliete la pasta madre insieme all'acqua ed il latte tenuto a T ambiente. Mescolate bene con una forchetta o con il gancio a foglia della planetaria. La pasta madre dovrà risultare tutta liquida. 
    Aggiungete lo zucchero, la farina, le patate lessate e ben schiacciate ed il sale. Mescolate ancora.
    Se usate il lievito di birra scioglietelo nell'acqua; versate la farina nella ciotola, unite l'acqua, il latte e poi gli altri ingredienti. 
    Iniziate ad impastare energicamente, se a mano, e quando l'impasto inizia a prendere corpo versate a filo l'olio extravergine di oliva. Continuate ad impastare fino ad incordatura.
  • Raggiunta l'incordatura formate la classica palla e mettetela a lievitare per circa 3 ore in una ciotola coperta con pellicola trasparente lontano da correnti d'aria. Se usate il lievito di birra ovviamente i tempi saranno molto ridotti. 
    Trascorso il tempo, trasferite l'impasto sulla spianatoia, sgonfiatelo a formare un rettangolo e procedete con 2 serie di pieghe distanziate una dall'altra da 30'. Dopo la seconda serie di pieghe lasciate riposare altri 30'. 
    Trasferite l'impasto nella teglia imburrata e stendetelo con la mani. Coprite, lasciate lievitare per ancora circa 3 ore.
  • Spennellate la superficie della focaccia, che troverete già bella lievitata, con l'olio extravergine di oliva. Fate delle fossette con la punta delle dita, cospargete con il sale grosso ed il rosmarino. 
    Infornate a 200° già raggiunti e cuocete per circa 25'. La superficie deve risultare dorata. 
    Sfornate la vostra focaccia e, se resistete, lasciatela completamente raffreddare prima di gustarla.

Note

Ovviamente i tempi indicati di lievitazione soggetti a tantissime variabili per cui regolatevi 
Portata lievitati, pane e lievitati
Tipo di Ricetta pane e altro

 Mi sono lasciata ispirare da A. Scialdone nel suo “La pasta Madre” 

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.