I legumi a casa vanno per la maggiore e li cucino in tutti i modi;  oggi vi lascio una crema di lenticchie tiepida ingentilita e rinfrescata dalla buccia di limone grattata e menta fresca ed arricchita dal commento nutrizionaledi Giovanna.

Non ho mai messo in ammollo le lenticchie, ma non sapevo che per avere una croccantezza  perfetta  si dovesse fare una prima una breve cottura di 5 minuti dall’ebollizione e poi la cottura definitiva con gli aromi in acqua già all’ebollizione per non più di 15 minuti. E sapevate che lo stesso vale per tutti i legumi secchi? L’ammollo preventivo fa spaccare la buccia, può provocare un inizio di  germogliazione e rende il legume meno digeribile e meno saporito. 

Ovviamente il tempo di  pre-cottura varia da legume a legume :

  • 15 minuti per i fagioli seguiti dalla cottura effettiva di circa 40 minuti
  • 15 minuti per i ceci seguiti dalla cottura effettiva di circa 2 ore
  • 5 minuti per le lenticchie seguiti dalla cottura effettiva di 15 minuti.

Provate per credere ! Io l’ho testato e vi garantisco che risultano molto più saporiti e si cuociono davvero.

Ho setacciato la crema di lenticchie tiepida una volta pronta – un passaggio un po’ noioso – ma ne vale la pena per ottenere davvero una crema “vellutata” ; la differenza se non setacciata si nota, ma ovviamente non è indispensabile. Così, per curiosità, provate a farlo e poi mi direte se non più piacevole al palato.

Ed ora cedo la  ricetta de la crema di lenticchie tiepida  a Giovanna di Nutrizione Point   e…

Il Punto di vista del Nutrizionista
dott.sa G. Senatore

legumi sono un piatto che amo, sia perchè sono davvero gustosi e sia perchè sono talmente ricchi da un punto di vista nutrizionale che non mangiarli è davvero un peccato! Infatti, quando i miei pazienti, con l’arrivo del caldo, si lamentano e mi chiedono di eliminarli dai menù, non cedo facilmente ma cerco di proporre delle ricette alternative che si sposano bene anche con l’estate, in fondo, i legumi, sono talmenti versateli da poterci, davvero, sbizzarrire in cucina.

La ricetta che ci propone Lalla  – crema di lenticchie tiepida – può essere consumata anche tiepida quindi prepariamola sia ora che non è ancora caldo e sia poi nei mesi estivi.

Le lenticchie, ma un po’ tutti i legumi, contengono una buona quota di fibre e carboidrati, quindi hanno un discreto valore energetico, hanno pochi grassi e soprattutto sono la fonte principale di proteine vegetali. Essi, quando vengono preparati insieme ai cereali integrali, danno origine ad un piatto ad alto valore biologico assolutamente paragonabile ad una bella fetta di carne, infine sono anche ricchi in sali minerali come calcio, ferro e potassio.

In questa ricetta le lenticchie vengono frullate e questo può essere un buon escamotage per evitare il gonfiore e la flautolenza tipica del post pranzo a base di legumi.
Ciò che mi è sembrato particolarmente interessante è l’aggiunta finale del limone che, oltre a rendere il piatto più appetitoso, ha un ruolo molto importante: consente che alcuni nutrienti (come ad esempio il ferro) presenti nei vegetali e che generalmente non riusciamo ad assimilare pienamente (a causa di molecole dette antinutrizionali) vengano meglio assorbite.
Mi sembra quindi che è un piatto da provare subito, con la certezza che tutti apprezzeranno compresi i bambini, che spesso fanno i capricci davanti ad un piatto di legumi

Preparazione5 min
Cottura20 min
Tempo totale25 min
Porzioni: 4 persone
Stampa ricetta

INGREDIENTI

  • 250 g lenticchie
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 piccola cipolla
  • 1 limone la scorza
  • menta fresca
  • pepe nero macinato di fresco
  • olio extravergine di oliva
  • sale

PROCEDIMENTO

  • Versate le lenticchie in un tegame alto riempito a metà di acqua fredda; portate a bollore e cuocete per 5 minuti. Scolate e rimettete sul fuoco l'acqua fredda come prima aggiunta di mezza carota, mezzo gambo di sedano, mezza cipolla; al bollore unite le lenticchie e lasciate cuocere sino a quando le lenticchie saranno cotte ma ancora belle croccanti. Occorreranno circa 15 minuti. Salate solo a fine cottura.
  • Nel frattempo fate un battuto con la metà rimasta di tutti gli odori ; ungete con un filo di olio un tegame basso e largo , unite la cipolla e lasciatela stufare su fiamma bassa. Aggiungete a seguire prima il sedano e quando anche questo sarà ammorbidito unite la carota e finite di stufare. 
    Scolate le lenticchie non appena pronte – senza buttare la loro acqua di cottura – e versatele nel tegame insieme al battuto. 
    Lasciate insaporire qualche minuto quindi frullate tutto con il minipimer sino ad ottenere una crema liscia. Setacciate la crema ed allungate eventualmente con qualche cucchiaio di acqua di cottura se troppo densa. Corregete di sale
    Riducete a dadini due fette di pane e coloritile in una padella con filo di olio per renderlo croccante.
  • Servite la crema di lenticchie tiepida con il pane tostato, un trito di menta fresca, la buccia gratta del limone, una generosa di macinata di pepe nero in grani ed un filo di olio extravergine di oliva.
Portata Minestre e Zuppe, Primi Piatti
Tipo di Ricetta pronte in pochi minuti, ricette di primavera

La crema di lenticchie è buonissima servita tiepida. Buon lunghissimo week end a chi come me questa volta si gode questo lunghissimo ponte !

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.