Sarà perchè ho vissuto a Torino 14 anni e ne sono affettivamente parlando ancora molto legata: ho dei ricordi bellissimi di un ambiente che molti non conoscono o che non ti raccontano e il “sentito dire” non dice mai tutto il vero.
Sarà perchè l’iniziativa mi ha molto divertita, sarà perchè mi piace sempre fare qualcosa di nuovo…e sono qua a dare il mio contributo all’iniziativa di Antonella Bentivoglio d’Afflitto, direttore creativo di The Kitchen of  Fashion  con la sua Cena in bianco a Torino.

Da questa Mariachiara di The Chef is on the table  ha dato vita a questo food blogger-flashmob con rigorosamente tema in bianco per accompagnare, quali food blogger, l’evento di Torino e allora …Cena in bianco di Torino: il biancomangiare mio e del bimby.; sono di Roma e mi sarebbe stato complicato essere a Torino per l’evento, ma se qualcuno vuole prendere parte alla cena può inviare una mail a [email protected] per avere tutte le info dettagliate.

Il biancomangiare è un tipico dolce siciliano, semplicissimo da preparare e delicato da mangiare,  che di base ha solo latte, amido e zucchero: 3 ingredienti totalmente bianchi a cui si possono aggiungere  nel composto i pistacchi tritati e la scorza di limone o di arancia per decorare;  al posto dei pistacchi ho messo un biscotto integrale, per questo forse proprio bianco non mi è venuto ;-). L’ho preparato con il bimby. 

Il latte è tradizionalmente l’ingrediente base della prima colazione unito a torte, biscotti, pane etc inzuppati nella tazza; va ricordato che ha anche una buona capacità dissetante se vi piace – a me no :-); è spesso e volentieri ingrediente base per la preparazione di moltissimi piatti in cucina da salati a dolci: la besciamelle, il purè i primi o appunto il biancomangiare fra i secondi.

cena in bianco di Torino - Biancomangiare
Cena in bianco di Torino

Ho abbinato a questo dolce il Picolit, quello che Veronelli, durante una sua degustazione definì ” Fermo e aristocratico; ha nerbo deciso e stoffa alta, che si compiace sino a coda di pavone; grandissimo vino, vino “da meditazione” . Sulla sua denominazione  esistono due diverse teorie: così chiamato data la scarsa produzione dei suoi acini, l’una,  data la ridotta dimensione dei suoi acini, secondo l’altra.

biancomangira per Cena in Bianco di Torino


Prodotto in Friuli è caratterizzato da un colore giallo dorato, intenso e quasi ambrato; sprigiona profumo di frutta: dalla pesca, alla mandorla e all’albicocca matura; al gusto si palpano i profumi già percepiti uniti ad un gusto di miele e fichi.
Quello in purezza è raro e la mia bottiglia mi è stata omaggiata da chi lo produce direttamente e attento a non “tagliarlo” con altri uvaggi. Una chicca insomma  😉

biancomangiare

Cena in bianco di Torino: il biancomangiiare mio e del bimby

Un dolce particolarissimo il biancomangiare
Preparazione 5 min
Cottura 10 min
Totale 15 min
Porzioni 12 persone

Ingredienti
  

  • 1 lt latte
  • 200 g zucchero
  • 75 g amido
  • q.b. cannella
  • 70 g pistacchi o biscotto integrale
  • scorza di limone

Procedimento
 

  • Versate nel boccale del bimby tutti gli ingredienti tranne il biscotto o i pistacchi: latte, zucchero ed amido: mescola 20 sec/vel 5;cuocete a 100°/vel 3/12 minuti o sino a quando bolle;
    lasciatelo appena stiepidire quindi unite il biscotto tritato grossolanamente e mandate a velocità 3 per 10 secondi per emulsionare il tutto.
    Travasate ora il composto negli stampini e poneteli in frigorifero per almeno un paio d'ore; al momento di portare in tavola spolverizzate con poca cannella in polvere – se vi piace, ma vi assicuro che si sposa benissimo – e decorate con le bucce di limone tagliate a listarelle sottili sottili.
Portata Dessert, Dolci, Dolci al cucchiao
Cucina cucina dal mondo, pronte in pochi minuti, ricette per l’estate

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.