I bignè con crema di baccalà alici in salsa piccante sono golosissimi ed elegantissimi per essere portati a tavola alla Vigilia di Natale o qualsiasi altra occasione con amici o parenti in cui volete un piatto veloce si, ma anche gourmet.

La crema  profumata di baccalà che riempie il bignè è completata dal sapore più deciso, ma mai insistente delle Rizzoline in salsa piccante Rizzoli Emanuelli . Quanto sono buone 😉 !? No, niente di quel piccante che invade bocca e palato, ma un qualcosa che appaga bocca e palato.
Dico che avere sempre in dispensa una confezione di alici Rizzoli sia una svolta anche per quei piatti improvvisati che non cadranno mai nella mediocrità.
Stiamo via via “salendo” di intensità nei sapori dei prodotti Rizzoli Emanuelli e quel perfetto equilibrio è sempre garantito e mantenuto.

Ok…lo so, i bignè con crema di baccalà alici in salsa piccante mi sono venuti leggermente grandi.
Volevano essere da un boccone o poco più ed invece…nel forno, all’improvviso, li ho visti lievitare a dismisura.

Ultimo ma non ultimo portare a tavola i bignè con crema di baccalà e alici in salsa piccante come antipasto di pesce ha tanti vantaggi:

  • sono veloci da preparare;
  • si possono preparare con netto anticipo e magari surgelarli sino al momento di riempirli;
  • la crema di baccalà si prepara in pochissimo tempo e all’occasione, anche prima;
  • basta avere in dispensa le Rizzoline in salsa piccante Rizzoli Emanuelli.

Qualche raccomandazione dello Chef Montersino per la perfetta riuscita di questa sua ricetta:
non rivestite la teglia con cui infornerete i bignè con carta forno, bensì ungetela di burro:
il bignè farà più presa sul fondo e riceverà una maggiore spinta durante la lievitazione;
usate il tegame con doppio fondo:
l’acqua non deve bollire, la sua evaporazione potrebbe sbilanciare la ricetta;
la consistenza della pasta deve essere simile a quella di una crema, non troppo liscia:
se si rapprende troppo basta aggiungere un altro uovo.

Pasta bignè o pasta choux?

La pasta bignè deriva dal termine francese pâte a choux (da chou, cavolo, perché a cottura ultimata assomigliano ai cavolini di Bruxelles). Per la riuscita dei bignè è fondamentale la cottura, sia nella prima fase – il composto deve risultare piuttosto asciutto – sia nella seconda in forno – temperatura che permetta il rigonfiamento. Possono anche essere fritti.
Una preparazione tutto sommato ad alto rendimento e quindi anche economica.

bignè con crema di baccala e alici in salsa piccante

Bignè con crema di baccalà alici in salsa piccante

bignè con crema di baccalà alici in salsa piccante sono golosissimi ed elegantissimi per essere portati a tavola alla Vigilia di Natale o qualsiasi altra occasione con amici o parenti in cui volete un piatto veloce si, ma anche gourmet. 
Preparazione 20 min
Cottura 40 min
Totale 1 h
Porzioni 15 bignè

Cosa ti serve

  • 1 frullatore ad immersione
  • 1 saca a poche
  • 1 tegame con il doppio fondo

Ingredienti
  

Per i bignè:

  • 95 g 95 g di acqua85 g di burro85 g di farina 0013 g di acqua135 di uovaun pizzico di saleacqua
  • 85 g burro
  • 85 g farina 00
  • 13 g acqua
  • 135 g uovo
  • 1 pizzico sale

Per la crema di baccalà:

  • 300 g baccalà già dissalato
  • 1 foglia alloro
  • buccia di limone
  • sale
  • cipolla rossa
  • pepe nro
  • olio extravergine di oliva

Per completare:

  • Rizzoline in salsa piccante
  • foglie di broccoletti
  • olio di semi di arachide

Procedimento
 

Per il baccalà:

  • Portate a bollore dell'acqua aromatizzata con la foglia di alloro, la buccia di mezzo limone, il sale ed il pepe. Appena bolle immergete il baccalà opportunamente spellato e fate in modo che sia completamente coperto dall'acqua. Fate cuocere 10 minuti dalla ripresa del bollore, spegnete e lasciate così il pesce per un'oretta.
    Affettate sottile la cipolla ( che sia piccolina o mezza di una grande), trasferitela in una ciotola in cui avete versato dell'olio extravergine di oliva. Fate insaporire l'olio nel forno a microonde a metà potenza per 3 o 4 minuti. . L'olio non deve friggere . Tenete da parte.
    Trasferite il baccalà scolato dal suo brodo (non buttatelo!) nel bicchiere del frullatore ad immersione con un goccio del suo brodo filtrato. Azionate il frullatore e, aggiungete a filo l'olio filtrato dalla cipolla fino ad ottenere una crema liscia e abbastanza densa. Unite eventualmente altro brodo di cottura del baccalà sino alla giusta consistenza. Tenete da parte.

Per i bignè:

  • Versate il latte, l'acqua e il sale in un tegamino dal doppio fondo; unite il burro e fate sciogliere bene. L'acqua non deve mai bollire. Unite ora la farina tutta insieme allontanando un attimo dal fuoco. Rimettete sulla fiamma e, mescolando bene, fate "asciugare" il composto. Trasferite l'impasto nella planetaria, fate girare con il gancio a foglia per 1 minuto. Aggiungete le uova leggermente sbattute, poco alla volta. Mescolate per incorporare bene. Il composto deve risultare come una sorta di crema.
    Trasferite la pasta choux nel sac a poche.
    Usate una teglia unta di burro e non coperta di carta forno;
    distanziateli uno dall'altro perchè, se tutto va bene 😉 , crescono molto.
    Infornate a 200° nella parte bassa del forno per circa 20 minuti. Devono risultare dorati.

Per servire:

  • Tagliate i cappelli ai bignè e farciteli con la crema di baccalà appena tiepida, completate con le Rizzoline in salsa piccante e due fili di erba cipollina. Avevo dei broccoletti appena comprati e ho fritto le foglie e unito un pezzetto in ogni bignè.
    Buon Appetito!
Portata antipasti, antipasto di pesce
Cucina Ricette delle Feste

E se vi è venuta voglia di conoscere i prodotti Rizzoli Emanuelli sbirciate anche le bruschette con stracciatella, le zucche di pasta sfoglia ed un divino primo piatto come la calamarata e sgombro piccante

Lascia un commento

Valuta la ricetta




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.