In viaggio con l’infografica di Zomato su Expo 2015

infografica expo di Zomato

In viaggio con l’infografica di Zomato su Expo 2015

Chi è o cosa è Zomato?
Zomato è una piattaforma online che fa una delle sue attività principi lo scoprire ogni angolo in cui il food sia parola d’ordine – dal ristorate, alla gelateria, alla pasticceria al bar – e mettere così a disposizione le informazioni minime per chiunque sia alla ricerca di un posto dove andare. 1 milione di ristoranti in 22 paesi nel mondo visitati dal team!
Zomato è anche una community: tutti i foodies, gli amanti del food, una volta testato un locale, possono lasciare la propria recensione, un parere per condividere la propria esperienza o semplicemente condividere una foto.
Zomato è un social perché alla fine ci si segue, ci si “conosce”, ci si incontra per condividere e scambiare esperienze sul questo magico mondo del food.
Disponibile anche l’App che affiancandosi al sito offre agli utenti la possibilità di navigare utilizzando diversi filtri e tipologie di ricerca – da quella per il tipo di cucina, per il momento della giornata, alla fascia di prezzo, alla tipologia di cucina.

Presente in molti Paesi, da marzo Zomato è approdato anche in Italia – Milano e Roma – e non esiste locale di queste due città che non sia stato visitato dal team ed inserito nella piattaforma con le informazioni basilari per aiutare chiunque a scegliere dove andare a mangiare.

Forte della sua mission il team di Zomato ha battuto in lungo e largo Expo 2015 e da questo viaggio è nata l’infografica di Zomato su Expo 2015  con cui il team si augura di poter essere di supporto nella scelta di dove mangiare a chiunque decida di visitare Expo.

Tra ristoranti, aree di servizio e food truck, sono 219 i locali mappati dalla redazione di Zomato. Di questi 158 dedicati al momento del pranzo, 74 alla cena, 35 alla colazione. Non mancano, inoltre, le aree di ristoro (14) e i chioschi (7).
30 i ristoranti italiani, 10 i punti di ristoro di cucina olandese e 5 quelli americani per una spesa media di € 33,50 a coppia

Ma non solo : 82 i locali con posti all’aperto,  15 i locali in cui fare un happy hour oppure mangiare qualcosa senza aprire il portafoglio (3 i locali in cui si mangia gratis) e gustare cibi senza glutine (9) e 4 in totale i posti vegfriendly.
Infine, un’ultima curiosità: Giappone e Turchia accolgono rispettivamente il ristorante più costoso e quello più economico.
Molti foodies hanno lasciato traccia della loro esperienza ad Expo ed è emerso che : ristorante migliore è quello di Davide Oldani , mentre il peggiore è il Bar de Tapas.
La reinterpretazione del risotto allo zafferano di Davide Oldani ha convinto tutti i foodie che l’hanno provato sia per la sua bella presentazione che per il gusto; per il Bar de Tapas si parla di prezzi esagerati, cibo di scarsa qualità e porzioni scarse.
Il locale con più recensioni, invece, è l’ Israeli Pic Nic di cui molti foodie hanno apprezzato il gelato e l’hummus. Il ristorante del Qatar conquista invece il primato per il menu più consultato!

Fra le “collezioni” tematiche disponibili sul sito e App , ora è consultabile anche una sorta di mini sito di Zomato dedicato ad Expo in cui è possibile affinare la ricerca.

Ti ho incuriosito 😉 ? Scopri anche tu Zomato e se non sei ancora stato ad Expo 2015 sfrutta l’ottima opportunità che il team ti offre e affidati all’App.

Ancora nessun commento.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi altro:
torta all'arancia senza uovo e...senza burro
Torta all’arancia senza uovo e…senza burro

Ebbene, è...

Polpette di melanzane in salsa agrodolce di fichi
Polpette di melanzane in salsa agrodolce di fichi

La mia...

Chiudi