Olio extravergine di oliva Az. Agricola La Scala

Olio extra vergine di oliva La Scala

Olio extravergine di oliva Az. Agricola La Scala

Ricevere a casa un campione omaggio di Olio extra vergine di oliva Az. Agricola La Scala è stato un piacere enorme: uso in cucina prevalentemente olio piuttosto che burro, ho un debole per tutto ciò che è siciliano, e ultimo -ma non ultimo – ho un marito cardiologo con la sua naturale ed innata, se vogliamo anche “deformante e  professionale ” lotta contra contro il colesterolo.
E’ oramai ampiamente dimostrato come l’olio extra vergine di oliva debba la sua attività “protettrice”  di arterie e cuore alla presenza nel 70-80% della sua composizione di un acido grasso insaturo – l’acido oleico – che agisce sui livelli di colesterolo ( co responsabile insieme ad altri fattori di malattie cardiovascolari ed infarti ) in un doppio momento.
Riduce i fattori LDL (Low Density Lipoproteine) e VLDL (Very Low Density Lipoproteine), responsabili di  depositi di colesterolo “cattivo” sulle pareti delle arterie riducendone drasticamente il lume, e potenziando  il fattore HDL, il “colesterolo buono” che rimuove il colesterolo dalle pareti delle arterie e lo riporta al fegato.
L’uso di olio aiuta a prevenire i tumori, l’olio rallenta l’invecchiamento, l’olio combatte la stitichezza, l’olio è componente di pomate e creme lenitive, l’olio entra nella composizione di prodotti di bellezza e di saponi, l’olio è l’elemento per eccellenza della dieta mediterranea.
Condizione perché tutto questo si realizzi e che l’olio non diventi dannoso, è che l’olio sia di buona qualità, anzi di ottima qualità.
La cultura, la conoscenza, la tradizione, il metodo di raccolta, il punto di maturazione al momento della raccolta, il metodo di spremitura influiscono sulla “bontà” dell’olio: quanto più i metodi utilizzati in tutte le fasi di produzione tendono a proteggere e conservare le caratteristiche organolettiche delle olive tanto più sano e benefico è l’olio.
La legge prevede che un olio perché sia extra vergine di oliva abbia un’acidità libera (acido oleico) < allo 0,8 % ; tale indice è anche indice di qualità, di rispetto delle migliori tecniche adottate durante l’intero processo lavorativo.
Assodato che l’olio debba essere di buona qualità, oggi chiediamo – a ragione – che l’olio appaghi anche i nostri sensi: vista, tatto, olfatto e gusto;  ci aspettiamo o meglio, scegliamo, olio extravergine di oliva che sia buono, bello e che profumi come piace ad ognuno di noi e sempre di più si sta espandendo la cultura della degustazione dell’olio. Anche questo dobbiamo imparare a farlo, esattamente come per il vino.

Olio extravergine di oliva Az. Agricola La Scala 

La Famiglia La Scala è diventata, nel 1850,  proprietaria di una grande estensione di terra, allora all’abbandono e attraverso il lavoro,  prima manuale, oggi meccanico, ha visto  risplendere in poco tempo quelle terre di meravigliosi oliveti biancolilla.
L’olio della biancolilla è tipico di Palermo – l’Azienda Agricola La Scala è palermitana – e di Messina; è un olio “fruttato leggero per eccellenza delicato al palato, di color giallo paglierino con riflessi dorati, molto fluido” e proprio per queste sue caratteristiche spesso usato per “alleggerire” oli più intensi.
Raccolto meccanicamente, spremuto a freddo , l’olio extravergine di oliva La Scala  garantisce in ogni passaggio la qualità del prodotto e mantiene intatte le caratteristiche organolettiche e salutari uniche delle olive da cui ha origine. 
Amo aggiungere a crudo l’olio su una grandissima varietà di piatti, dalle minestre, ai primi piatti, ma lo aggiungo e lo gusto di più, rigorosamente a crudo,  quando cucino il pesce e proprio con una bellissima orata di mare cotta al sale ho voluto assaggiarlo. Tempi, modi e ingredienti sono gli stessi che ho utilizzato per il branzino al sale

Olio extra vergine di oliva La Scala

Che vi dico: tutto quello che è scritto delle olive biancolilla – nell’ olio extravergine di oliva Az. Agricola La  Scala è palpabile: leggero, delicatamente fruttato, affatto viscoso e con quella giusta punta amarognola.
Fate un giro sul sito dell’Azienda Agricola La Scala : come lettori di questo blog avrete diritto ad uno sconto del 3% sui prezzi indicati.

Azienda Agricola La Scala

Chiudo qui, vi ho annoiati 😀 ? Una sola raccomandazione : non risparmiate sull’olio, i danni di un olio non di qualità sono subdoli e …friggete con olio extravergine di oliva : è molto più resistente al calore e potete usare lo stesso olio più di una volta.

, , ,

5 Responses to Olio extravergine di oliva Az. Agricola La Scala

  1. coccolatime 18 Febbraio 2014 a 00:19 #

    una delle mie ultime passioni è proprio l’olio …con la sua eccellenza tutta italiana..a presto un post sul mio blog!!! interessante questa azienda..io amo l’olio siciliano…ha un sapore buonissimo!!! saporito pungente …superbo..io lo preferisco anche all’olio toscano pensa te!!!

    • Lalla 18 Febbraio 2014 a 09:09 #

      Sto scoprendo ed apprezzando anche io l’olio e mi piace questo mondo

  2. tamara 15 Febbraio 2014 a 00:13 #

    bene, molto bene, mi fa molto piacere leggere questi post sull’olio, sono poesia, musica per me…la biancolilla, con sentore anche di pomodoro, è un’oliva splendida che ci regala un’olio unico, ce l’ho anch’io, chi non l’ha provato non sa di cosa parliamo, vorrei che tutti potessero sentire quel sapore… non tutti capiscono l’importanza dell’olio extra vergine ma noi non ci stanchiamo di scriverlo… un abbraccio carissima Lalla

    • Lalla 15 Febbraio 2014 a 09:30 #

      Dici bene Tamara, un mondo magnifico è.
      Un abbraccio

Trackbacks/Pingbacks

  1. Olio extravergine di oliva Az. Agricola La Scala | Food Blogger Mania - 15 Febbraio 2014

    […] olio VAI ALLA RICETTA !function(d,s,id){var […]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi altro:
Ricetta semifreddo al limone - Semplicemente Cucinando
Mini semifreddi al limone

Quando ho...

farfalle rigate la molisana per la ricetta farfalle rigate con gamberi asparagi e bottarga
Farfalle rigate con gamberi, asparagi e bottarga

Un primo...

Chiudi